DOPO ALTAROMA CONTINUA IL SUCCESSO DELLE PICA BAGS DI PIERA CATENA

Ha esordito in quest’ultima Alta Roma, manifestazione di moda e fashion che da sempre ha dato il via a nuovi talenti, ed il riscontro per le sue creazioni ha preso il via a spron battuto. Parliamo della giovane designer Piera Catena che con le sue creazioni Pica bags ha sfilato in Alta Roma 2018, con la mini capsule collection “Majorelle” , calcando la passerella con le creazioni della nota stilista l’architetto Sabrina Persechino. La stilista ha intitolato la sua collezione Elektron, “la via dell’ambra” (un tempo chiamata anche via Imperiale) luogo di estrazione dell’affascinante pietra che gli antichi greci chiamarono elektron, con il significato di “il brillante, il luminoso”, considerandola come la “sostanza del sole”. L’ambra è traslucida, di un colore che può variare dal giallo al rossiccio al bruno fino ad arrivare al verde, al viola e all’oro. Su questa palette la mirabile fantasia e precisione di Sabrina Persechino ha creato e fatto sfilare capi lineari, geometrici e strutturati, abiti scolpiti, di forte impronta architettonica, immancabili come sempre il bianco e il nero. Una presentazione emozionante  anche per aver introdotto una giovane  musicista “Giorgia Rossetti” che abilmente ha suonato live il violino elettrico.

In questo caso l’intuito della stilista Persechino è stato anche nel saper scegliere un giovane talento come Piera Catena “Pica ”, creando una sinergia assoluta,  tra abiti e borse.  Una capsule prestigiosa per Pica che segna il suo brillante  esordio in Alta Roma con “Majorelle”, S/S 2018 ispirata ad uno dei giardini più belli del mondo situato a Marrakech.

 Progettato dall’ artista francese Jacques Majorelle, che negli anni diventò  fonte di ispirazione per lo stilista Yves Saint Laurent.

Un mix di colori vivaci e forme che ispirano questa sua nuova collezione che abbiamo visto sfilare con delle variazioni di colori, attentamente studiati per la collezione Elektron di Sabrina Persechino, le forme semplicemente perfette ed in linea con gli abiti,  traggono ispirazione dal tipico mihrab e dai decori architettonici spesso arricchiti di motivi geometrici.  Tutto perfetto per segnare il grande inizio di un giovane talento firmato “Pica” Piera Catena.