ROMA, ASSOTUTELA: “SU CORONAVIRUS NO INUTILI ALLARMISMI MA SI’ A PREVENZIONE”

“Apprendiamo che per oggi con apposita ordinanza la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha sospeso tutti i concorsi pubblici in città. Una decisione amministrativa assolutamente condivisibile, visto e considerato il diffondersi dell’emergenza Coronavirus. Come associazione che tutela i diritti dei cittadini, auspichiamo che il Campidoglio, al pari degli altri enti sovraordinati, continui a monitorare la situazione anche alla luce del fatto che la prima cittadina grillina è la prima autorità sanitaria del territorio comunale. In questo contesto, ci chiediamo che tipo di azioni e procedure preventive sono in programmazione da parte del Comune di Roma. Per il resto, invitiamo la popolazione a non lasciarsi prendere dal panico, né da allarmismi ingiustificati: al contrario, bisogna seguire pedissequamente quanto stabilito dal decalogo diffuso in questi giorni dal ministero”.
Così, in una nota, il presidente di Assotutela, Michel Emi Maritato.

ANCORA PIU’ SPAZIO ALLE NUOVE PRODUZIONI DELLE START UP DELLA MUSICA: ECCO LA CHIAVE DEL SUCCESSO PER IL DOPO SANREMO PER LA FILIERA DELLA NUOVA MUSICA ITALIANA

Sanremo 2020 è stato un successo, pur tra ostacoli e incidenti di percorso, che spesso fanno parte integrante di una grande kermesse come questa. A confermarlo non sono soli i dati Auditel che hanno registrato un oltre 60 per cento di ascolti, ma anche altri dati e sondaggi che rivelano i numeri dell’apprezzamento come quello che segnala che praticamente l’80% dei telespettatori ha trovato molto interessante il Festival. Inoltre, vi e’ un’altra doppia lettura di grande interesse:  c’è una forte “Sanremo family” con il 44 per cento che lo ha seguito in famiglia  e al 37% una “Sanremo community” che lo ha seguito con gli amici organizzando gruppi di ascolto. Inoltre da segnalare il grande traino che Sanremo ha avuto sui teen ager riportando la musica e la tv pubblica al centro degli interessi di una generazione spesso distratta da mille altre proposte conquistando fino a 2 milioni e 500 mila di spettatori under 35.

A cosa si deve questo successo?

Per la parte musicale che e’ quella della quale ci vogliamo occupare , tralasciando tutte le altre parti come gli ospiti e tutto il resto, crediamo che un grosso contributo sia stato dato dall’avvio del Festival di Sanremo 2020 con il Tavolo sulla Musica organizzato dall’Amministratore Delegato RAI Fabrizio Salini insieme a Rai Uno e Rai Radio Due e all’Ufficio Comunicazione e che ha permesso di portare allo stesso tavolo gli storici discografici finalmente a confronto alla pari con la nuova produzione musicale che ha avuto così maggiore spazio coi suoi diversi esponenti per portare proposte provenienti dal mondo della musica attuale del circuito indipendente ed emergente e proveniente dalla dura e reale gavetta dei club e dei festival come dimostra la straordinaria vittoria del cantautore Diodato che ha esordito al MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti di Faenza nel 2007, ha creato un evento di grande rilievo come il Primo Maggio di Taranto ed è prodotto da un’importante etichetta discografica indipendente attenta al nuovo e a collaborare positivamente con le startup indies che lavorano alla nuova scena musicale italiana unendo produzione, booking, festival e promozione insieme.

Inoltre, la classifica finale ci racconta di un Festival di Sanremo capace di valorizzare comunque un’ampia gamma di stili e di generi musicali presenti oggi in Italia, puntando ad allargarla ulteriormente, non tralasciando in alcun modo le proposte di qualita’ e contemporaneamente i dati di mercato ci raccontano di un Festival di Sanremo capace di portare al successo di mercato chi vi partecipa con brani che fanno centro ed entrano ai vertici delle classifiche sia insieme che singolarmente.

Quindi: il primo auspicio e’ che per la programmazione musicale nel servizio pubblico tale tavolo, oltre che per il Festival di Sanremo sia convocato anche per i prossimi appuntamenti musicali, sempre per tutelare la maggiore diversita’ di proposta nel settore , che si rivela vincente, e quindi venga convocato nuovamente al piu’ presto tale Tavolo della Musica visto che e’ certamente stato dal punto di vista della produzione delle proposte musicali una felice e vincente intuizione lavorando ad accessi e regolamenti che mettano tutti i protagonisti del settore alla pari, vecchia e nuova discografia.

Dall’altro riteniamo vada valorizzato un percorso di scouting di giovani talenti che tenga conto di realta’ importanti e significative presenti nel paese da oramai 25 anni e che fanno parte del circuito della musica indipendente ed emergente che sono quelle che oggi  contribuiscono alla grande alla  formazione del cast sanremese: tra big e giovani coloro che provengono dal mondo indies e da produttori, promoter e manifestazioni storiche come il MEI, che celebra quest’anno i 25 anni della sua manifestazione e merita un forte riconoscimento dalla Rai per il suo grande ruolo di scouting, insieme a startup della nuova musica giovanile insieme ai nuovi contest sono oramai i due terzi gli artisti che provengono da tali mondi mentre sono sempre piu’ minoritari coloro che provengono da un percorso meramente discografico con le storiche case e dai talent tv che stanno toccando, al di la’ di alcuni picchi, veri e propri momenti di minore interesse dal punto di vista dell’audicence televisiva e della proposta artistica. 

La Rai quindi deve aprire un confronto e riconoscere tali mondi indipendenti attraverso accordi e convenzioni e affiancamenti costanti in tutti i programmi e supporti economici  -che tengano conto anche di aumenti necessari soprattutto verso i giovani che vanno sostenuti sempre maggiormente con particolare attenzione al talento femminile che tra gli emergenti rappresenta una quota molto piu’ ampia di quella che emerge- che gli permettano di avere una via privilegiata per la scoperta di nuovi talenti rivoluzionando così i modelli di Sanremo Giovani ed Area Sanremo che insieme devono puntare a portare un drappello di giovani -dalla gavetta delle piccole produzioni e dei piccoli club e festival del paese dove si annidano i veri talenti, come ci ha proprio dimostrato Sanremo 2020 – a giocarsela in finale insieme ai Big come accade oggi sul mercato dove i Giovani arrivano direttamente in testa alle classifiche bypassando i nomi storici.

Infine, senza mai dimenticare gli omaggi di qualita’ ai grandi della musica italiana realizzati dalle giovani promesse del futuro, serve attivare una maggiore interazione coi nuovi media e con il pubblico. Utilizzare ancora sempre e meglio prima , durante e dopo il Canale Web Radio e Rai Play della Rai e realizzare una Rai App per fare votare il pubblico senza costi possono essere modalita’, da studiare insieme, per attrarre ancora piu’ pubblico durante tutto l’anno e durante l’evento di Sanremo ma anche durante gli altri eventi musicali di rilievo che vi sono durante l’anno che devono rappresentare una proposta qualificata di diversita’ di offerta musicale e non assomigliarsi.  Inoltre, va certamente pensato e valorizzato fin da ora un palinsesto estivo di musica, dai primi di giugno ai primi di ottobre, che deve, anche attraverso nuove proposte, proporre i nuovi eventi e festival musicali del Paese rinnovando la proposta.

Insomma, ci attendiamo quindi, come accaduto con l’avvio dell’anno scorso e visto che ha portato grande fortuna, di essere presto, nel mese di marzo,  riconvocati tutti insieme al Tavolo della Musica coordinato dall’Amministratore Delegato Rai Fabrizio Salini, insieme a tutti gli altri e magari allargando ai Canali Web e On Line e Rai Play e a quelli di Cultura, Storia, Giovani e Teche, e che ha dimostrato, riscuotendo il meritato successo, certi che solo così potremo riattivare un percorso virtuoso a favore della musica italiana e della nuova del paese durante tutto l’anno nel servizio pubblico radio – televisivo.

Firmano e siglano il documento le associazioni della filiera creativa musicale indipendente ed emergente italiana fatta di produttori discografici indipendenti, festival e contest per emergenti, artisti della nuova musica italiana, promoter, club e locali, produttori di strumenti musicali e realta’ che tutelano il diritto d’autore e tante altre espressioni come:

AudioCoop, Rete dei Festival, AIA, It – Folk, Anat e Asmea, Cafim , Silb, Premio dei Premi dei Cantautori, Siedas.

Bologna, 24 febbraio 2020

I FAKE in radio e nei digital store con il primo singolo “Così” (Edizioni Principio)

Esordio discografico per la band milanese composta da Fabrizio Bolpagni voce, Luca Ferrara batteria e Mattia Missaglia basso e synth, in radio e negli store digitali con il singolo “Così“, un brano pop prodotto artisticamente da Francesco Ciccotti e Luca Cherchi presso il Waves Music Center di Genova. “Fake” perché: “più una persona è vera e sincera, più rischia di sembrare falsa proprio perché nessuno è più abituato alla verità”. Il videoclip, per la regia di Antonio Zappadu, è stato girato a Milano. Primo singolo di un grande progetto che vedrà impegnata la band in studio per tutto il 2020.
VIDEO: https://youtu.be/SYLHI10EF5s

La band: –Quando non sappiamo spiegare una cosa diciamo ‘è così’. La magia di un bacio che non abbiamo mai preso ma che il solo pensiero ci ha fatto innamorare, un treno che arriva in ritardo senza che si sappia il perché, la felicità di raggiungere un traguardo… sentire il rischio di stare sbagliando quando scriviamo la verità. Il disordine ti manda in confusione ed è proprio quando il tuo ‘disordine’ anche mentale si fa sentire, che allora cerchi risposte per rimettere a posto le cose, ma quello che cerchiamo non lo trovi sui muri e a volte basterebbe un abbraccio, perché le persone sensibili si accontentano anche solo di un abbraccio ma non meritano di stare così

Instagram: https://www.instagram.com/therealfake_official/
Facebook: https://www.facebook.com/FAKE_Official-100973701406725/

Biografia
Dopo avere fatto parte dei Thema per diversi anni, allo scioglimento della band, nel 2019 Luca Ferrara e Mattia Missaglia decidono di formarne una nuova, ma questa volta meno “abituale” composta da soli 3 elementi, quindi inizia la ricerca della voce che possa incastrarsi con le loro idee musicali. Nel frattempo, incontrano l’autore e produttore artistico Francesco Ciccotti con cui il feeling nasce immediatamente ed inizia così a formarsi il team ma il cantante ancora non c’è, fino a quando, ad un incontro informale Vlady Tosetto mostra al produttore artistico il video di un ragazzo che interpreta una cover e da quel momento la band ha il suo frontman: Fabrizio Bolpagni. Nasce immediatamente il nome FAKE che inizialmente crea alcune perplessità per il rischio di fraintendimento ma in poco tempo si trasforma nel marchio che ognuno di loro 3 sente sulla pelle. Più una persona è vera e sincera, più rischia di sembrare falsa proprio perché nessuno è più abituato alla verità. La loro musica è l’insieme di una triade di mondi differenti. I gusti completamente differenti dei ragazzi si shakerano come un cocktail attuale che si può bere in spiaggia d’estate come in una baita d’inverno. Atmosfere elettroniche con ritmiche decise e tutto il calore di una voce che racconta le verità di oggi… le verità dei FAKE.

Produttore artistico: Francesco Ciccotti (direzione.artistica@fake-official.it) – Luca Cherchi
Produttore esecutivo e management: Nicola Ferrara (management@fake-official.it)Mail ufficiale: info@fake-official.it

Due (straordinarie) donne milanesi

Mercoledì 26 Febbraio ore 18,15 Biblioteca Vigentina – Corso di Porta Vigentina, 15 – 20122 Milano – tel. 02 8846 5798

Cristina Trivulzio di Belgioioso la Principessa rivoluzionaria

Conferenza di Maria Teresa Sillano e Pietro Esposito

“La prima donna d’Italia”, come la definì Carlo Cattaneo, personalità poliedrica, Cristina Trivulzio di Belgiojoso è una delle figure più suggestive dell’età risorgimentale.

Continue reading

Campidoglio, ripristinate tre targhe a Villa Pamphilj

Dopo i danneggiamenti di inizio febbraio quest’oggi sono state riposizionate quelle dedicate a  “viale 8 marzo Festa della donna”, a  Rosa Luxemburg e “viale Monumento ai Caduti Francesi” 

Roma, 21 febbraio 2020– Questa mattina sono state ripristinate le targhe toponomastiche danneggiate all’interno del parco di Villa Pamphilj una delle quali – quella  che indica “viale 8 marzo Festa della donna” – è stata rinvenuta, lo scorso 7 febbraio dai custodi della Villa, distrutta e vandalizzata ad opera di ignoti. Solo pochi giorni prima era già stata trovata a terra, senza segni di vandalismo, anche la targa dedicata a Rosa Luxemburg. Nel ripristino è compresa anche la targa di “viale Monumento ai Caduti Francesi”, anch’essa danneggiata sempre a inizio mese.

BULLISMO “SCUOLA E FAMIGLIA TRA REALE E VIRTUALE”

I Lions e Leo Clubs della 1° Zona del Distretto Lions International 108Tb organizzano una

Tavola Rotonda sul Tema di Studio Nazionale

“Un calcio al Bullismo”

Venerdì 28 febbraio 2020 alle ore 15,30

Comune di Bologna – Cappella Farnese

Piazza Maggiore, 6 –Bologna

con il patrocinio della Regione Emilia–Romagna, della Città Metropolitana di Bologna e del Comune di Bologna.

Dopo i saluti istituzionali del Sindaco di Bologna Virginio Merola e/o delegati e del Presidente della 1° Zona Distretto 108 Tb Lions Club International Alberico Colasante, l’introduzione ed il coordinamento della Tavola Rotonda è affidato allo scrittore e giornalista Marino Bartoletti chedarà seguito agli interventi dei relatori:

Maria Caterina Manca Responsabile U.O. Medicina Legale Azienda USL di Bologna

Nicoletta Gosio – Psichiatra, Psicoterapeuta e Docente in Psicologia presso lo “Studio Filosofico Domenicano”

Luisa Garofani – Psichiatra e Direttore dipendenze patologiche U.O.SERT ASL di Ferrara

Michele Colajanni – Professore Università di Modena e Reggio Emilia ed esperto in Cyber Security

Laura Lecchi – Avvocato e Presidente Associazione Cromosoma 2.0

Alessandro Parrotta – Avvocato e Docente presso la Scuola di Applicazione ed Alti Studi Militari dell’Esercito Italiano.

A conclusione verrà presentato il Progetto Lions Club International Foundation “Spazio d’ascolto psicologico per le vittime di bullismo e cyberbullismo”, a cura della Referente Lions Emanuela Venturi.  Porteranno il loro contributo di esperienze la Preside del liceo Classico L. Galvani di Bologna Giovanna Cantile, la Dirigente Scolastica Istituto Comprensivo 17 – Scuole Medie Gandino Teresa Pintori e il Referente AGIMAP Italia Onlus Marco Fantoni.

I Lavori termineranno con il saluto finale del Governatore del Distretto Lions Club International 108 Tb Maria Giovanna Gibertoni.

La Cittadinanza è invitata.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Segreteria Distrettuale Lions

Tel. 051/4213245

info@lions108tb.it