Utilitalia: Lorenzo Perra (Alia multiutility) eletto vicepresidente


Lorenzo Perra, presidente di Alia multiutility, è stato eletto vicepresidente di Utilitalia, la Federazione che riunisce a livello nazionale le imprese dei servizi pubblici locali. L’elezione di Perra, economista con esperienza ventennale nel settore dei servizi pubblici e presidente della nuova multiutility nata in Toscana con l’obiettivo di aggregare le principali aziende del settore acqua, energia e ambiente, è stata votata dalla giunta esecutiva di Utilitalia insieme all’elezione di altri cinque vicepresidenti, che affiancheranno il presidente riconfermato, Filippo Brandolini di Herambiente, e Luca Dal Fabbro di Iren, confermato nel ruolo di vicepresidente vicario. A Perra è stata affidata la delega all’Economia circolare e il ruolo di coordinatore del Comitato società miste. “I prossimi anni saranno anni cruciali e molto importanti per garantire la transizione ecologica in Italia. Assumere il ruolo di vicepresidente in Utilitalia con delega all’ambiente – commenta Lorenzo Perra – è per me un riconoscimento di grande importanza. Ne sono onorato e consapevole del fatto che la sfida che dovremo portare avanti è complessa, ma anche molto affascinante”. “Con l’esperienza della Toscana, un territorio di grande storia e ambizione, oggi molto impegnato nel processo di trasformazione industriale e impiantistica – prosegue -, arrivo in Utilitalia sperando di poter contribuire ad un definitivo rilancio degli investimenti in materia ambientale”. Le 400 imprese associate a Utilitalia forniscono oggi servizi idrici a circa l’80 per cento della popolazione, servizi ambientali a circa il 55 per cento, servizi di distribuzione gas al 27 per cento e servizi di energia elettrica al dieci per cento, con un valore della produzione pari a 38,5 miliardi di euro e 100 mila occupati.

Confeuro: “Violenze su braccianti da condannare. Fare chiarezza”

“La nostra Confederazione intende condannare senza “se” e senza “ma” quanto accaduto nelle Langhe, nella provincia cuneese, dove – secondo la ricostruzione da parte degli inquirenti – una cinquantina di braccianti sarebbero stati sfruttati dai caporali e picchiati nei vigneti, oltre a lavorare in condizioni precarie e illegali. Siamo di fronte a fatti disumani, di una gravità inaudita, dove sarebbero stati violati i fondamentali diritti non solamente del lavoratore ma della persona. Una situazione allarmante che segue la tragica morte di Satnam Singh in terra pontina e conferma, semmai ce ne fosse ancora bisogno, quanto sia preoccupante e tangibile il fenomeno del caporalato e dello sfruttamento illecito, anche e sopratutto in agricoltura. Confeuro sono anni che denuncia e mette in guardia le istituzioni su questa triste forma di schiavitù moderna e auspica che le autorità competenti facciano immediata chiarezza su quanto avvenuto nelle Langhe, nonché sul ruolo dei caporali e sulle eventuali responsabilità degli imprenditori proprietari dei vigneti, in cui lavoravano i poveri braccianti. Più in generale, sollecitiamo ancora una volta Ispettorato del Lavoro e ministero competente ad aumentare controlli e verifiche sul territorio: la repressione contro il caporalato deve essere quanto più ferma e intransigente possibile”.

Così, in una nota stampa, Andrea Tiso, presidente nazionale Confeuro, la Confederazione degli Agricoltori Europei e del Mondo.

MissisVoice pronta a sorprendere con un’innovativa esperienza soul-jazz in arrivo

MissisVoice pronta a sorprendere con un’innovativa esperienza soul-jazz in arrivo

MissisVoice è pronta ad apparire sulla scena musicale con un nuovo progetto audace e coinvolgente. Il suo originale progetto rappresenta un’incursione nel mondo del soul-jazz moderno, segnando un’evoluzione stilistica nella sua carriera.
Un team di talenti per un progetto ambizioso
Il progetto, ancora in fase di preparazione, vedrà la luce in autunno con la prossima pubblicazione di un singolo che anticiperà un album completo. Il disco, composto da dieci brani, includerà sette inediti e tre cover. Gli arrangiamenti e la produzione artistica sono affidati al talentuoso Roberto Pascucci, mentre la produzione musicale sarà curata dai Basstronautz. MissisVoice, che ha scritto una parte dei brani inediti, collabora anche con autori di esperienza e fama, promettendo così una varietà di stili e influenze che arricchiranno ulteriormente il progetto. “MissisVoice” non è solo un nome d’arte, ma un concept che racchiude la passione dell’artista per la sperimentazione e l’esplorazione musicale.
Un duetto misterioso e aspettative per le cover
Tra le tre cover previste nell’album, una sta già suscitando particolare interesse. È in corso infatti una trattativa per un duetto con un artista molto noto del panorama musicale italiano. Questo potenziale sodalizio artistico potrebbe aggiungere una dimensione ancora più emozionante e inaspettata al progetto, creando attesa e curiosità tra i fan.

Dettagli e uscita: cosa aspettarsi

Per scoprire maggiori dettagli sulla label che pubblicherà il progetto e sulle prossime release, previste in autunno, sarà necessario seguire le pagine ufficiali di MissisVoice. Le informazioni saranno aggiornate in tempo reale, offrendo ai fan un’opportunità unica di restare connessi con il processo creativo e di lancio del progetto.

Ha dichiarato l’artista a tal riguardo: “Volevo dare sfogo al mio amore per la musica da club, infatti gli obiettivi principali di questo progetto erano riuscire a creare una miscela musicale tra il classico e il commerciale, cercando però di mantenere elementi più vicini all’armonia jazz, che a me piacciano molto. Un ringraziamento speciale va a Roberto Pascucci che ne ha curato gli arrangiamenti e la produzione artistica, mentre la produzione musicale è curata dai Basstronautz”.
La pubblicazione del singolo aprirà la strada al disco completo, che si preannuncia come un mosaico di sonorità soul e jazz moderne, arricchite da arrangiamenti sofisticati e da una produzione musicale all’avanguardia.”MissisVoice” si propone di offrire un’esperienza d’ascolto immersiva, capace di coniugare il fascino del soul e del jazz con le sonorità ricercate e moderne.
Sottolinea il produttore Roberto Pascucci: “MissisVoice è un’Artista molto personale, dal timbro molto interessante ed una visione molto contemporanea del Pop, aperta anche alle contaminazioni a me molto affini con il Jazz e l’R’n’B. Sto curandone la produzione artistica e musicale nonché gli arrangiamenti; per il suono complessivo da dare al Progetto ho voluto con me l’ottimo Tony Corizia, mio sodale nei BASSTRONAUTZ, musicista e produttore di grande gusto ed esperienza”.

Per non perdere nessuna novità riguardante “MissisVoice” e per restare aggiornati su tutte le fasi di sviluppo del progetto, seguite MissisVoice sui suoi canali ufficiali di seguito indicati.

FACEBOOK

https://www.facebook.com/share/o6t2HXCiZnGmJwQ5/?mibextid=LQQJ4d

INSTAGRAM

https://www.instagram.com/missisvoice?igsh=MWpxb3A3cnRhcGtvMQ==

Informazioni su date di uscita, eventi promozionali e molto altro saranno condivise per coinvolgere il pubblico in questo viaggio musicale tanto atteso. L’attesa per “MissisVoice” promette di essere ben ripagata con una voce dal timbro graffiante e con una miscela di suoni che cattureranno e sorprenderanno, portando un nuovo respiro alla scena musicale italiana.

BIOGRAFIA PROGETTO ARTISTICO “MissisVoice”

“MissisVoice” è Marika Calabrese.
Marika Calabrese nasce a Benevento nel 1989 e, fin da subito, decide di trasformare la sua passione per il canto nella sua professione, intensificando prove, tecnica ed espressioni in molteplici generi musicali, ispirandosi a voci superlative come:Ella Fitzgerald, Sara Vaughan, Etta James..ecc. Dopo aver conseguito la maturità al “liceo linguistico” di Benevento, si trasferisce a Roma. Lei canta il suo amore per la musica soul/jazz.
Un esordio importante, arriva con la partecipazione al reality show di canale 5 “amici” nel 2013 condotto da Maria De Filippi. Immediatamente dopo si esibisce nel programma mattutino “edicola Fiore” condotto da Fiorello.Dopo diverse esperienze decide di trasferirsi a Londra, dove oltre ad esibirsi con un quartetto jazz, inizia collaborazioni con dj Producer dell’aria pop/soul della capitale britannica.
Successivamente nasce il suo primo singolo “comin’closer” lavorato a Londra da John Davis, Mastering Engineer di importanti produzioni artistiche quali: Paul Weller, The Cranberries, Lana del Rey ecc. Contemporaneamente avvia la collaborazione con i “The Blister Boyz” duo francese molto conosciuto in Europa per i loro remix e featuring per brani di As Animols e Madonna.
Rientrata in Italia, senza mai abbandonare la sua passione, inizia così la collaborazione con diversi autori italiani nella composizione di brani inediti. Il 5 febbraio 2020 esce “questa sono io”, brano inedito che racchiude suoni semplici e stilizzati, allo stesso tempo raffinati e ricchi di quel sound black, grazie anche alla produzione di Matteo Costanzo, giovane produttore di grande stoffa.Qualche anno dopo la cantautrice presenta “Libera”.
Attualmente impegnata in un progetto electronic dance con il dj producer Lordnoox con la pubblicazione di un brano dal titolo “Be Loyal” ma soprattutto nel suo nuovo progetto “MissisVoice”, ovvero un progetto innovativo soul-jazz moderno. Un progetto fatto di sperimentazione raffinata nel suono e di conferme vocali innate. Gli arrangiamenti e la produzione artistica sono di Roberto Pascucci, mentre la produzione musicale è curata dai Basstronautz. Queste collaborazioni donano al progetto ancora più originalità e qualità. Infine la supervisione del progetto è a cura di Ant Music Manager.

Per info e contatti: chiedileinfoqui@gmail.com

Ufficio stampa Roberta Nardi: dott.ssarobertanardi@gmail.com

Marino, Ambrogiani(Pd): “Auguri al Gotto d’Oro simbolo di storia e tradizione del territorio”

“Una storia di tradizione, passione ed eccellenza vitivinicola. Lo scorso 10 luglio la Gotto d’oro ha festeggiato il 79esimo anniversario dalla sua fondazione. Era infatti il luglio 1945 quando nelle campagne marinesi, al confine con la Capitale, iniziò quel virtuoso percorso enologico che tuttora brilla nel mercato italiano e internazionale. Una data dal grande significato simbolico e sociale, quella della fondazione del Gotto d’Oro, di cui tutta la comunità di Marino e dei Castelli Romani deve andare assolutamente fiera e orgogliosa, nella consapevolezza maturata che l’azienda rappresenta da sempre il cuore pulsante del nostro territorio e del nostro tessuto produttivo: un cuore che da 79 anni batte forte, fortissimo e continuerà a farlo con rinnovato slancio anche negli anni futuri. Questo l’auspicio personale e di tutto il Partito Democratico di Marino. Ancora auguri, Gotto d’Oro!”.

Così, in una nota stampa, il segretario cittadino del Pd Marino circolo Bruno Astorre, Sergio Ambrogiani.

Cinema, ecco i vincitori del Social World Film Festival

Cinema, ecco i vincitori del Social World Film Festival: Miglior film è “Ninguém sai vivo daqui” di André Ristum

Premiati gli attori Sebastiano Somma e Gaia Girace, ai film di Lina Sastri e Mario Vezza il riconoscimento della sezione Focus

Conclusa la 14esima edizione della Mostra Internazionale del Cinema Sociale di Vico Equense diretta dal regista Giuseppe Alessio Nuzzo

Svelati durante la serata di gala i premi dell’14a edizione del Social World Film Festival di Vico Equense diretto dal regista Giuseppe Alessio Nuzzo. La giuria ha tributato il Golden Spike Award come miglior film “Ninguém sai vivo daqui” del brasiliano André Ristum che si è aggiudicato anche il premio come miglior sceneggiatura, miglior regia a Guillaume Renusson per “Sopravvissuti”. Miglior Attor* vinto in ex aequo da Sebastiano Somma con il film “Il diavolo è Dragan Cygan” e Gaia Girace con il film “Girasoli”.

“Consider the Lilies” di Cristina Spina è il miglior cortometraggio internazionale. Quella di Timothé Auray per “Allegory” è la miglior regia. Alessandro Porzio vince il premio per la miglior sceneggiatura con “La mia escort”. Jamak Sotoudeh vince il premio come miglior attor* per la sua interpretazione nel cortometraggio “My name is Aseman”.

“20 giorni a Mariupol” di Mstyslav Chernov vince il premio come miglior documentario e miglior regia della nuova sezione del Social World Film Festival “La settimana della critica”, interamente dedicata al cinema del reale, votate da una giuria di critici in collaborazione con il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – SNCCI. A Giulio Mastromauro il premio per la miglior sceneggiatura per il documentario “Bangarang”.

Per la Sezione Focus vincono “La casa di Ninetta” di Lina Sastri e “Desiré” di Mario Vezza come miglior lungometraggio e “Tilipirche” di Francesco Piras come miglior cortometraggio. “Fatima” di Sara Russolillo vince la sezione “Città del cortometraggio”. Il premio Rai Cinema va a “Marabù”, per aver raccontato una storia universale che sorprende per un finale inaspettato in cui la fiducia e l’amicizia vincono su tutto.

Durante la serata, condotta da Roberta Scardola, sul Red Carpet le attrici Giovanna Sannino e Maria Sole Pollio. Tutti i premi sono stati realizzati dal maestro Salvatore Nuzzo. «Sono felice, credo che questa sia stata l’edizione più bella, le ho vissute tutte, ma stasera sono ancora più orgoglioso perché vuol dire che la manifestazione sta crescendo insieme alla città», ha dichiarato il sindaco di Vico Equense sul palco. Gli ha fatto eco Nuzzo: «Un grazie alla città di Vico Equense che per 8 serate si è trasformata in un grande cinema all’aperto, richiamando ragazzi da tutta Italia con il sogno di lavorare nella settima arte»

Dl Agricoltura, Confeuro: “Bene ok Senato. Testo positivo per rilancio settore primario”

“Nella giornata di giovedì 4 luglio l’aula del Senato della Repubblica ha approvato a maggioranza la legge di conversione del Decreto Legge 15 maggio 2024 numero 63 – il cosiddetto Dl Agricoltura – “recante disposizioni urgenti per le imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura, nonché per le imprese di interesse strategico nazionale”. E in questi giorni la legge di conversione del provvedimento del Governo nazionale dovrebbe passare alla Camera dei Deputati per l’approvazione definitiva. Confeuro ha letto con molta attenzione il nuovo testo e intende esprimere la propria soddisfazione per un provvedimento sensibilmente migliorato e che rappresenta certamente un importante segnale di attenzione da parte del governo nazionale
nei confronti del settore agricolo italiano, oggi in grande crisi. Nello specifico, la nostra Confederazione guarda con favore sia la moratoria su mutui e finanziamenti per le imprese agricole sia i provvedimenti a contrasto della Xylella, nonché le disposizioni sul caporalato e le pratiche commerciali sleali. Nel suo complesso, dunque, questa legge appare concreta e ben strutturata: in questo contesto, Confeuro auspica che tutto ciò rappresenti davvero l’inizio di un percorso legislativo e normativo di ampio respiro al fine di sollevare le sorti del settore primario, vera e propria eccellenza del tessuto economico- produttivo del nostro paese. Da parte nostra, continuerà con rinnovato slancio l’azione di vigilanza e controllo dell’operato istituzionale, a tutela di piccoli e medi agricoltori”.

Così, in una nota stampa, Andrea Tiso, presidente nazionale Confeuro, la Confederazione degli Agricoltori Europei e del Mondo