RIVOLUZIONE ANIMALISTA, ANTONIO BORRELLO RESPONSABILE NAZIONALE “DIPARTIMENTO ZOOMAFIE”

Antonio Borrello è stato nominato nuovo Responsabile Nazionale “Dipartimento Zoomafie” di Rivoluzione Animalista. A comunicarlo, nella giornata di oggi, è stata la Segretaria nazionale del partito politico, Gabriella Caramanica, che in una nota stampa, Continue reading

Una “colla” quantistica tra oggetti macroscopici

All’Istituto nazionale di ottica del Cnr è stato ideato un metodo innovativo per “legare” attraverso l’entanglement oggetti macroscopici distinti, facendo loro condividere un singolo fotone. I risultati dell’esperimento, descritto su Physical Review Letters, permetteranno di indagare il confine tra fisica classica e quantistica e aprono la strada a nuove tecnologie sempre più sicure, precise ed efficienti

In un articolo apparso sulla rivista Physical Review Letters, ricercatori dell’Istituto nazionale di ottica del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ino) di Sesto Fiorentino, guidati da Marco Bellini e Alessandro Zavatta, hanno dimostrato un metodo generale per produrre entanglement, la particolare forma di correlazione prevista dalla meccanica quantistica per cui due oggetti distinti possono rimanere indissolubilmente “legati” anche se allontanati a distanze astronomiche. Nonostante la sua natura apparentemente paradossale, a cui anche Einstein si rifiutava di credere, l’entanglement è già stato osservato sperimentalmente tra vari tipi di particelle microscopiche ed è alla base delle nuove possibili applicazioni delle cosiddette tecnologie quantistiche, che spaziano dalle comunicazioni sicure, ai computer ultrapotenti, fino alla possibilità di effettuare misure e rivelare sostanze con sensibilità e precisioni adesso inimmaginabili.

“Sebbene le peculiarità dell’entanglement siano già state ampiamente dimostrate a livello microscopico, rimane però ancora da chiarire se e come oggetti macroscopici, composti cioè da un elevato numero di particelle, possano anch’essi manifestare un tale comportamento”, afferma Alessandro Zavatta, del Cnr-Ino. Le strane correlazioni previste dall’entanglement smettono infatti di funzionare non appena gli oggetti da legare crescono di dimensioni. In questo caso, la magia quantistica svanisce e gli oggetti tornano rapidamente a comportarsi come ci si aspetta che facciano nella vita di tutti i giorni, perdendo così tutti i vantaggi del mondo dei quanti.

“Nel nostro esperimento, un singolo fotone, la particella elementare della luce, viene aggiunto contemporaneamente a due diversi fasci laser. A differenza degli oggetti comuni e grazie alle proprietà della meccanica quantistica, particelle indivisibili come i fotoni possono infatti delocalizzarsi, trovarsi cioè allo stesso tempo in due posizioni distinte”, dice Nicola Biagi, assegnista Cnr-Ino e primo autore della ricerca. È stato quindi un solo fotone che, delocalizzato con le sofisticate tecniche messe a punto dai ricercatori Cnr, ha costituito il collante per tenere “legati” attraverso l’entanglement due diversi impulsi di luce (si veda figura allegata), ognuno a sua volta formato da molte decine di fotoni, e fino a quel momento completamente indipendenti.

Anche se i due impulsi laser utilizzati in questo primo esperimento sono ancora debolissimi, in principio la tecnica non pone limitazioni sulle dimensioni e sul numero degli oggetti da collegare quantisticamente e potrebbe quindi essere estesa a sistemi sempre più grandi.

“La creazione di correlazioni quantistiche tra oggetti macroscopici è un obiettivo affascinante”, conclude Marco Bellini del Cnr-Ino “che, oltre a rispondere a domande di tipo fondamentale su come la meccanica quantistica possa fondersi con la fisica classica, ci fornirà nuovi strumenti per lo scambio di comunicazioni inviolabili e per la realizzazione di misure sempre più sensibili e precise”.

Roma, 11 febbraio 2020

VITERBO, CONVEGNO SUL CODICE ROSSO. PRESENTE ANCHE IL GIUDICE DE GIOIA

“Il codice rosso e la violenza di genere tra norma e sociologia”. Questo il titolo del convegno che si svolgerà il prossimo martedì 18 febbraio, a partire dalle ore 15, presso il tribunale di Viterbo – Aula di Corte di Assise. Tra gli autorevoli interventi è previsto anche quello del giudice e magistrato della Prima Sezione del tribunale penale di Roma, Valerio de Gioia, che parlerà del Codice rosso. L’interessante evento è organizzato dall’Aiga, l’associazione Giovani avvocati, sezione di Viterbo. Si preannuncia un dibattito vivace, moderato dal giornalista e scrittore Emilio Orlando, avente ad oggetto le falle di una normativa che ha solo in parte risolto il preoccupante fenomeno del femminicidio. “Porterò all’attenzione dei presenti – sottolinea il giudice de Gioia – la trascurata problematica della vittimizzazione secondaria che vede la persona offesa vittima del sistema che le impone di rivivere, spesso a distanza di molti anni, drammatiche vicende che, con grande fatica, ha cercato di rimuovere dalla memoria”, ha poi concluso.

CONCERTO A RITMO JAZZ AND WINE: OGGI E DOMANI A ROMA CON FEDERICA BAIONI IN “A JAZZE TASTE” | SONORITA’ JAZZ, SWING, BOSSA NOVA

“A JAZZ TASTE”

Wine, Food & Music

11 E 12 FEBBRAIO ore 20,30

Enosteria Capo le Case

Via Capo le Case, 53 | Roma

CON: FEDERICA BAIONI 4TET

voce: Federica Baioni

piano: Fabrizio Boffi

contrabbasso: Stefano Napoli

batteria: Dario Esposito  Continue reading

“Sei il vincitore morale di Sanremo Giovani” Eleonora Daniele su Marco Sentieri a “Storie Italiane”

Non appena rientrato dal successo di pubblico e critica sanremese Marco Sentieri è stato invitato su RAI 1 a “Storie Italiane” nella trasmissione di Eleonora Daniele che ha speso parole importanti su Marco e sul suo progetto: “Un grande artista, ha dedicato questa canzone bellissima ad una sua storia, una sua vicenda personale. Tema del bullismo, la canzone l’avete sentita è Billy Blu, è una canzone veramente veramente molto bella e sta vendendo, sta spaccando in radio, tantissimo e sta funzionando davvero con grande successo, molto molto bene

Roma – Marco Sentieri ha ricevuto a Sanremo il premio Co.re.Com “Giovani web e musica” (premiato dalla stessa Eleonora Daniele) riconoscimento che viene conferito ai giovani del Festival che si siano distinti nel trattare argomenti di sensibilizzazione su tematiche importanti, nel caso di “Billy Blu” quella del bullismo e cyberbullismo.

Ha proseguito la Daniele: “BILLY BLU, la canzone di Marco Sentieri, diventa una canzone manifesto. Per quanto mi riguarda, per quanto ci riguarda, sei stato il vincitore morale di questa edizione di Sanremo Giovani

L’esibizione live di Marco a “Storie Italiane” (non pianificata, senza prove, ma che Sentieri ha voluto comunque realizzare su richiesta della Daniele) si è conclusa con un abbraccio tra Eleonora e Marco e con una standing ovation di ospiti e pubblico!

Billy Blu” è uno dei brani più trasmessi dalle radio, tra i più gettonati nella classifica di Spotify e nelle prime posizioni anche sulle TopChart di Itunes e digital store. I suoi social stanno avendo impennate di migliaia di followers ogni giorno.

Marco Sentieri è stato l’unico artista approdato sul palco dell’Ariston (e in finale) gestito completamente da realtà indipendenti: dall’etichetta Diva’s Music Production di Gabriela Serban, a tutto lo staff di autori, producer, ufficio stampa, management: Danilo Riccardi, Marco Mori, Giovanni Germanelli, Igor Nogarotto, Pino Iodice, Max Calò, Daniela LeuciGino Sozzi, fino al look curato da ALV by Alviero Martini.

Il progetto “Billy Blu” contro bullismo e cyberbullismo (di cui lo stesso Marco è stata vittima) approderà presto nelle scuole, con convegni e progetti pedagogici, all’insegna dell’hashtag #siamotuttibillyblu

Marco Sentieri social:
https://www.instagram.com/marco_sentieri_/
https://www.facebook.com/MarcoSentieriOfficial/

URAGANO ROMA: I GIALLOROSSI RIMONTANO LA SAMP, FINISCE 3-2 LA SIFDA DELL’ATLETICO 2000

Torna alla vittoria la As Roma Calcio a 8 e lo fa con un secondo tempo da applausi.
Dopo un primo tempo sottotono chiuso in vantaggio dalla Sampdoria per 2-0 grazie alla doppietta di Procopio è arrivata nella ripresa la reazione d’orgoglio dei giallorossi che hanno dominato il campo raggiungendo una meritatissima vittoria.

La doppietta di Aquino (un calcio di rigore) e il sigillo che ha aperto la rimonta di Daniele Di Giovanni suonano la carica per un finale di stagione che deve riportare la Roma nelle prime posizione della classifica.
Bizzarra e incomprensibile la decisione dell’arbitro di non espellere il blucerchiato Vendittelli per aver respinto con la mano il destro a botta sicura di Aquino, dopo aver assegnato il giusto rigore sarebbe stato corretto e doveroso mostrare il cartellino rosso al difensore della Sampdoria.

Prova superlativa della squadra di Filoso in tutti i suoi elementi: Pomposelli dominante su Baldacci e Damiani, Aquino e Di Giovanni implacabili sotto porta, dopo 4 sconfitte in questo inizio di 2020 è tornata la Roma che aveva incantato nel girone di andata, il San Paolo è avvisato.

Soddisfatti i presidenti Maritato e Staibano che dopo un periodo di blackout ieri hanno rivisto negli occhi dei loro giocatori la voglia di vincere e la fame tipici di questo gruppo.